Amadeo Modigliani Biografia e Storia

Amedeo Modigliani è stato un artista italiano considerato un modernista.

Amadeo Modigliani è stato un pittore italiano nato il 12 luglio 1884 e morto il 24 gennaio 1920. È famoso soprattutto per i suoi ritratti e dipinti di nudisti, che presentano soggetti con lineamenti, colli e corpi estesi. Le opere spiccatamente moderniste prodotte da Modigliani non furono celebrate durante la sua vita, ma dopo la sua morte ricevette ampi elogi per i suoi successi. Oggi Modigliani è riconosciuto come una figura cardine nell’evoluzione della pittura e della scultura moderna. Le sue opere si trovano nei musei di tutto il mondo.

Primi anni e anni formativi


Fu a Livorno, città portuale riconosciuta come porto sicuro per gli ebrei in fuga dalle persecuzioni religiose, che Modigliani trascorse la sua infanzia. Nacque in una famiglia italiana di origine ebrea sefardita. Al momento della sua nascita, la sua famiglia era sull’orlo del collasso finanziario, ma alla fine si sono rialzati.

Il giovane Modigliani non ha avuto l’opportunità di avere un’istruzione formale convenzionale a causa della sua malattia da bambino. Soffriva di pleurite oltre alla febbre tifoide. D’altra parte, ha iniziato a disegnare e dipingere in giovane età e sua madre ha incoraggiato e sostenuto i suoi sforzi artistici.

Quando Modigliani aveva solo 14 anni, iniziò la sua educazione formale con un insegnante locale di Livorno di nome Guglielmo Micheli. Micheli non ha disciplinato il suo allievo Amedeo, ma invece lo ha incoraggiato a sperimentare una varietà di metodi pittorici, nonostante Modigliani abbia spesso ignorato i concetti della pittura classica. Dopo due fruttuosi anni da studente, Modigliani si ammalò di tubercolosi, che fece deragliare la sua formazione artistica e forse alterò il corso di tutta la sua vita; la malattia alla fine gli avrebbe tolto la vita solo 19 anni dopo che gli era stata diagnosticata.

artista parigino


Nel 1906 Modigliani si trasferì a Parigi, che all’epoca era l’epicentro dell’innovazione artistica. Alla fine ha trovato un posto da chiamare casa a Le Bateau-Lavoir, un complesso residenziale comunale per artisti poveri. Modigliani ha condotto uno stile di vita selvaggio che può essere descritto come potenzialmente autodistruttivo poiché ha sviluppato una dipendenza da alcol e narcotici ed è stato coinvolto in una serie di affari.

I biografi hanno ipotizzato che la battaglia senza fine di Modigliani contro la tubercolosi fosse la forza trainante del suo comportamento autodistruttivo. All’inizio del 20° secolo, la tubercolosi era una delle principali cause di morte, ed era anche una malattia contagiosa. È possibile che, seppellendo i suoi problemi sotto l’effetto di narcotici e feste intense, Modigliani si sia isolato dall’angoscia causata dalla sua malattia e dalla possibilità di rifiuto sociale che ne derivava.

Modigliani ha prodotto nuovi lavori a una velocità vertiginosa, sfornando fino a 100 disegni al giorno durante il suo periodo di picco creativo. Tuttavia, la stragrande maggioranza di questi schizzi non sopravvive oggi perché Modigliani si spostava spesso e, di conseguenza, ne distruggeva o cestinava la maggior parte.

Nell’anno 1907 Modigliani conobbe Paul Alexandre, un giovane medico, anche lui amante dell’arte. Alexandre divenne uno dei primi clienti abituali di Modigliani. L’ebrea, che Modigliani dipinse nel 1907, fu il primo dipinto di Modigliani che acquistò Alexandre. È ampiamente considerato come uno dei migliori esempi del lavoro di Modigliani prodotto in questo periodo di tempo.

Dopo alcuni anni ancora, Modigliani entra nella sua fase più creativa. Modigliani iniziò a lavorare su una serie di trenta nudi nel 1917 con il patrocinio del mercante d’arte polacco e amico Leopold Zborowski. Questi nudi sono diventati alcune delle opere più acclamate dell’artista nel corso della sua carriera. Le modelle nude sono state esposte nell’unica mostra personale di Modigliani, che ha fatto scalpore quando è stata inaugurata. Il primo giorno dello spettacolo, la polizia ha tentato di chiuderlo a causa di accuse di oscenità pubblica. Pochi giorni dopo, lo spettacolo è proseguito dopo che alcuni dei nudi che erano stati esposti nella vetrina di un negozio sono stati rimossi.

L’artista Amadeo Modigliani ha realizzato questo ritratto di Jeanne Hebutem.


Stampa fotografica intitolata “Ritratto di Jeanne Hebutem” presentata per la visualizzazione in una galleria d’arte.
Durante il periodo della prima guerra mondiale in Europa, Modigliani dipinse numerosi ritratti dei suoi contemporanei artistici, tra cui Pablo Picasso. Uno di questi pezzi, un ritratto dell’artista Jacques Lipchitz e di sua moglie Berthe, è considerato una delle sue opere più famose.

Nella primavera del 1917, Modigliani iniziò una relazione romantica con Jeanne Hebuterne. Poco dopo, è entrato nell’ultima fase del suo processo creativo. Hebuterne era un soggetto comune per lui da dipingere e i ritratti risultanti sono caratterizzati dall’uso di colori e linee più tenui che sono più aggraziati. Il

i ritratti che Modigliani dipinse di Jeanne Hebuterne sono ampiamente considerati tra le opere più serene e calme dell’artista.

Scultura


Amedeo Modigliani fu presentato allo scultore rumeno Constantin Brancusi nell’anno 1909. L’incontro suscitò il fascino di Modigliani per la scultura, che perseguì per il resto della sua carriera. Si dedicò alla scultura per i successivi cinque anni.

Nel 1912, otto delle teste di pietra di Modigliani furono esposte in una mostra a Parigi chiamata Salon d’Automne. Sono la prova della sua capacità di convertire i concetti dei suoi dipinti in una forma che può essere vissuta in tre dimensioni. Inoltre, vi è una chiara evidenza dell’influenza della scultura africana.

Amedeo Modigliani Sculture

Dopo l’inizio della prima guerra mondiale nel 1914, i materiali per la scultura divennero sempre più difficili da reperire, il che potrebbe aver contribuito alla decisione di Modigliani di rinunciare definitivamente al mezzo.

Anni successivi e fine della vita


La progressione della tubercolosi fu qualcosa che Modigliani dovette affrontare per la maggior parte della sua vita adulta. Dopo una serie di relazioni e collaborazioni, inclusa quella con l’artista russa Anna Akhmatova nel 1910, sembrò iniziare a vivere una vita di relativa contentezza con Jeanne Hebuterne, che aveva 19 anni, nel 1917. Durante questo periodo fu sposato con Jeanne Hebuterne. Nel 1918 divenne madre di una ragazza che chiamarono Jeanne.

Dopo non aver avuto notizie della giovane coppia per diversi giorni, un vicino nel 1920 si preoccupò e andò a controllarli. Hanno trovato Modigliani nelle fasi successive della meningite tubercolare quando lo hanno scoperto. Il 24 gennaio 1920 morì a causa della malattia mentre era ricoverato in un vicino ospedale. Hebuterne si suicidò il giorno dopo la morte di Modigliani mentre era incinta di otto mesi del secondo figlio della coppia. Hebuterne era incinta del bambino quando Modigliani è morto.

Influenza e un’eredità continua


Durante la sua vita, Modigliani fu fermamente individualista, rifiutandosi di affiliarsi alle tendenze artistiche del suo tempo, come il cubismo, il surrealismo e il futurismo. Questi erano tutti stili che erano popolari all’epoca. Tuttavia, il suo corpus di opere è ora ampiamente riconosciuto per aver svolto un ruolo importante nell’emergere dell’arte moderna.


Condividi questo :

messaggi recenti

Iscriviti alla nostra newsletter

Lorem ipsum dolor sit amet, consecte adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore

Categorie